- 7 Marzo 2017

Pubblicità programmatica: l’impatto sulle metriche di brand, di viewability e di traffico non valido e cosa possono fare gli inserzionisti per massimizzare la redditività

L'utilizzo della pubblicità programmatica continua a diffondersi in tutto il mondo portando con sé numerosi potenziali benefici. Tali vantaggi, però, sono accompagnati da una serie di problematiche legate a trasparenza e qualità che assumono una rilevanza sempre crescente, mentre inserzionisti e centri media sono impegnati a valutare l’efficacia e la redditività dei rispettivi investimenti (sia in termini di erogazione che di impatto sui consumatori).

Questa relazione esamina alcuni dati importanti rilevati da Comscore e Kantar Millward Brown in merito all’impatto della pubblicità programmatica sulle metriche di brand, di viewability e di traffico non valido delle campagne, esplorando anche le azioni che possono essere intraprese da parte di inserzionisti e centri media per massimizzare la redditività di tali iniziative.

Risultati principali:

  • Metriche di brand: La pubblicità programmatica si è dimostrata efficace nel generare intenzione di acquisto, ma ha anche il potenziale di offrire performance migliori a livello delle metriche di upper funnel, quali awareness e associazione del messaggio.
  • Viewability e traffico non valido: Gli acquisti programmatici sono caratterizzati da una viewability più bassa accanto a tassi più elevati di traffico non valido rispetto agli acquisti diretti; le inventory video risultano poi particolarmente vulnerabili a tale fenomeno. Proprio per questo, validare l’erogazione delle impression è diventata una componente essenziale del processo di valutazione delle campagne.

Scarica la relazione per un’analisi più approfondita integrata a utili consigli su come migliorare la redditività delle campagne programmatiche.

Iscriviti alla mailing list

Registrati per ricevere news, insight ed informazioni sugli eventi di Comscore direttamente nella tua casella email!

Registrati Scarica la nostra app